venerdì 28 novembre 2014

Segnalazione: Fazi Editore - Dio ha molti nomi di John Hick


Titolo: Dio ha molti nomi
Autore: John Hick
Casa Editrice: Fazi Editore - Collana Campo dei Fiori
Pagine: 148
Prezzo: 17,50 euro

Il libro

Una nuova prospettiva sul dialogo interreligioso. Il teologo inglese John Hick percorre un pellegrinaggio spirituale tra le varie confessioni alla ricerca di un sincretismo religioso per la pacifica convivenza dei popoli.

Tra le tante conseguenze della globalizzazione, una delle rivoluzioni a cui stiamo assistendo negli ultimi decenni è quella religiosa: a causa soprattutto dei flussi migratori, che ogni anno spostano intere comunità da una parte all'altra del pianeta, per la prima volta tradizioni spirituali diverse, che sono nate e hanno prosperato a migliaia e migliaia di chilometri di distanza, stanno entrando in contatto.
Oggi, nelle periferie delle metropoli d'Occidente, cristiani, musulmani ed ebrei, ma anche buddhisti, indù e sikh abitano fianco a fianco, fanno la spesa negli stessi negozi, vanno a lavoro percorrendo le stesse strade. Culture e sensibilità religiose che per secoli hanno saputo poco o nulla le une delle altre – o, peggio ancora, le hanno immaginate in maniera distorta, ostile – si trovano d'improvviso a dover convivere.
Ma che significa convivere? Secondo John Hick, eminente teologo e libero pensatore, si può fare molto di più che semplicemente tollerare il diverso. Lontano da facili panteismi new age e profetico nelle sue intuizioni, Hick è il primo a sostenere – in questo libro che attirò l'anatema del cardinale Ratzinger – che tutte le religioni potrebbero venerare la stessa divinità, che si sarebbe rivelata a ciascun ramo dell'albero umano in modo diverso, usando linguaggi diversi in base alle caratteristiche dei differenti popoli. È possibile, in altre parole, che nella storia Dio si sia presentato molte volte, con molti nomi? Se così fosse, un dialogo tra le varie fedi sarebbe estremamente fruttuoso. Ma perché sia un vero dialogo, aperto e sincero, ogni religione deve rompere la crosta di dogmi che si è ispessita sopra il genuino contatto col divino che aveva in origine. Deve chiedersi, in altre parole, quali sono le verità che considera fondamentali e quali sono solo sovrastruttura e come tale possono essere messe in discussione. A partire, per i cristiani, dalla questione della natura umana o divina di Gesù.


L'autore

John Hick (1922 – 2012). Filosofo e storico inglese, si convertì all’Evangelismo dedicandosi agli studi teologici e filosofici. Ha avuto una ricchissima carriera accademica, ha insegnato, tra i vari atenei, a Oxford, Cambridge, Princeton e Cornell. Fautore del pluralismo religioso e ammiratore della filosofia kantiana, ha scritto più di venti libri tradotti in moltissimi paesi.



E con questa segnalazione vi auguriamo: buon weekend, carissimi lettori. ^_^
BUONA LETTURA!

martedì 25 novembre 2014

Teaser Tuesdays #65


Oggi è martedì e torna Teaser Tuesdays, rubrica ideata dal blog Should be Reading, ma che io ho scoperto su Atelier dei libri. La mia consocia grafica aveva comunque una rubrica simile sul suo blog, Dillina, chiamata Perle dai libri. Visto che io spesso ho letto cose in seguito ai Teaser ho pensato di adottarla.

Le regole sono davvero semplici e sarei felice se mi lasciaste i vostri teaser!
Eccole:


  • Prendete un libro che state leggendo; 
  • Apritelo in una pagina a caso; 
  • Condividete un breve spezzone di quella pagina ("Teaser") senza fare spoiler (controllate prima di postare);  Riportate titolo e autore per tutti coloro che vogliono leggerlo ^_^ 



Ecco a voi il mio Teaser di oggi. ^_^

<< Quando tocca a me, la aggiorno su Drew, Steven e Alexandra e su come crescere con loro mi abbia salvato dal sentirmi figlio unico. Le racconto di Mckenzie, la bambina di quattro anni più forte che conosco, con cui starei ogni giorno della settimana se potessi.
Quando finisco la quarta birra, sono volate due ore e mezzo. Dee va in bagno e io prendo il telefono.
Ho sei messaggi. Tutti di Steven.
Merda. Call of Duty. Me ne ero dimenticato.
Sono in ordine crescente di panico. Volete vedere?

Amico 6 in ritardo - cominciamo senza di te

Su, amico, sono nella merda e in minoranza. Dove cavolo 6?

Dove cazzo è il supporto aereo? I miei uomini stanno morendo là fuori!

Non morirò così - porto con me più avversari che posso. Ahhhhhhhhh!

Grazie mille, cretino. Sono morto. Se ci provi con la mia vedova ti perseguiterò.


E poi l'ultimo, che dice soltanto:

Stronzo.

Rido a voce alta e gli mando un messaggio di scuse, per dirgli che è saltata fuori una cosa all'ultimo. Steven è bravo a leggere tra le righe.

Vuoi dire che all'ultimo ti è saltato fuori l'uccello dai pantaloni. Ecco che fine fanno i fratelli quando ci sono di mezzo le zoccole. Sei in debito. Dovrai fare da baby-sitter per ripagarmi così potrò uscire con mia moglie.. o stare a casa ;)

Personalmente, credo che passi già troppo tempo con la moglie - come dimostra la faccina alla fine del messaggio. >>


Emma Chase

Qual è il vostro teaser? ;)




domenica 23 novembre 2014

Recensione: Le due facce dell'amore di Nick Spalding

Nonostante io sfrutti al massimo la possibilità di programmare i post, ho avuto un lungo periodo caotico in cui non sono proprio riuscita a seguire questo angolino come avrei voluto.
Ringrazio la mia consocia che l'ha tenuto un po' su con segnalazioni e teaser (che mondo sarebbe senza le consocie ;))
Spero che questo post sia di buon augurio per una ripresa, almeno da chiudere l'anno a modo.
Promesse non ne faccio che tanto io propongo e il resto del mondo dispone (di me in particolar modo). Vi lascio alla mia opinione su questo librino divertente e simpatico. E anche abbastanza leggero. Buono per i periodi caotici. Non è un'opinione molto lunga, anche perché il libro non è tanto lungo, scorre veloce e occupa giusto un paio d'ore.


Titolo: Le due facce dell'amore
Titolo originale: Love... from both sides
Autore: Nick Spalding
Edizione:  Newton Compton
Prezzo: 9,90€
Trama: Jamie Newman è un attraente copywriter, single da due anni, deciso a dare un taglio a una vita scandita da cene solitarie con monoporzioni surgelate. Ma trovare la donna giusta non è affatto facile, come si intuisce dal suo blog, in cui racconta disastrosi appuntamenti al buio con donne assatanate e top model decisamente fuori dalla sua portata. Anche a Laura McIntyre, ventottenne proprietaria di un negozio di cioccolata, le cose non vanno tanto lisce, stando al suo diario. Squallidi agenti immobiliari dai bollenti spiriti e fanatici della bicicletta vestiti di lycra sono infatti sempre in agguato, e la ricerca di un uomo decente sembra senza speranza. Ma quando un giorno i due si incontrano (o scontrano), complici una Vespa impossibile da guidare e una pianta troppo ingombrante da tenere tra le braccia, sembra che la felicità sia a portata di mano. O forse sarà allora che inizieranno davvero i problemi. Basato su vite vissute e reali catastrofi sentimentali, "Le due facce dell'amore" è un libro dedicato a tutti coloro che sanno quanto difficile possa rivelarsi la ricerca del vero amore.

Voto: 7/10
Altro libro leggero e divertente che stavolta non mi ha fatto gridare troppo all'insensato.
L'autore ha detto di averlo scritto raccogliendo avventure e disavventure proprie e di amici/amiche e conoscenti. Prese singolarmente sono tutte plausibili, magari concentrate in due sole persone divengono un pelo eccessive, però mi hanno fatto ridere. Tanto.
Due punti di vista quindi, quello di Laura e quello di Jamie che dalle pagine, rispettivamente, di un diario e di un blog, ci raccontano i loro sforzi (e ilari conseguenze) nella ricerca dell'amore e di quella persona speciale in grado di riceverlo e di donarlo a sua volta.
Come dicevo, l'intento dell'autore di utilizzare quante più scene possibili lo ha reso un po' surreale, però ho apprezzato la lentezza con cui i due si incontrano, si ignorano, si incuriosiscono e si innamorano.
E' stato bello vedere i pensieri di entrambi, la stessa scena da due punti di vista, la diversità delle interpretazioni. Al di là della storia d'amore, che non si differenzia da tante altre, è stata proprio la messa a nudo dei due animi a catturarmi e a portarmi all'epilogo in poco tempo.
Tra i due narratori ho preferito Jamie, forse un po' più lineare e sicuro di ciò che voleva, mentre Laura è stata un po' più tentennante (anche se merita la palma per la scena più divertente: la bici!).
Ho storto il naso per il ritorno dell'ex di turno, ma per fortuna ha sgomberato il campo in poche pagine (le/gli ex che ritornano all'improvviso non mi piacciono perchè mi sanno sempre di trucchetto per allungare il brodo).
L'autore ha impostato il libro come se si trattasse di un diario e di un blog, in realtà lo stile non si adatta molto a nessuno dei due. Forse il diario è un po' più plausibile, ma ho fatto davvero fatica a immaginare i capitoli di Jamie come post di un blog.
Tolto questo la storia è fresca e veloce, scorre bene, diverte e regala un'oretta di relax.


venerdì 14 novembre 2014

Segnalazione: Rivoglio la mia costola di Marmunno


Forse la Bibbia vi è sembrata un po’ conformista, statica, non al passo con i tempi e allora non vi rimane che sfogliare “Rivoglio la mia costola”.

Un testo-parodia quasi sacro che contiene una strana proposta fatta direttamente a Dio da Adamo e trascritta da Marmunno. Si scopriranno scenari biblici esilaranti quanto divertenti, ma non per questo meno credibili.



Titolo: Rivoglio la mia costola
Autore: Marmunno
Editore:Youcanprint 
Pagine :122 
Genere : umorismo, satira a sfondo religioso e politico 
Anno di pubblicazione: 2014 
ISBN-13 9788891126948



Rivoglio la mia costola”, a firma di Adamo, in pubblicazione in questi giorni anche nella versione cartacea, è la parodia divertente della Bibbia dell’autore Marmunno, che non firma con il proprio nome e cognome perché teme forse di essere raggiunto dall’ira di Dio. L’opera inizia con l'episodio inedito del lamento di Adamo per la costola sottratta e soprattutto per le conseguenze imprevedibili che ne sono derivate. Un Adamo ingenuo, a tratti libidinoso ma senza malizia alcuna, cerca senza saperlo una femmina di uomo e Dio, attento anche più del dovuto a tale esigenza, lo accontenta, sconvolgendo la sua vita. E forse anche la nostra! La sua sessualità, fino ad allora praticamente assente, viene a contatto con quella prorompente di Eva, mettendo in luce e in ombra problematiche comuni ad ogni epoca. Ne deriva un delizioso quadretto familiare in cui qualcuno, più di qualcuno temo, si potrebbe facilmente riconoscere. Segue la replica piccata e piccante di Eva che reduce da esperienze extraplanetarie rivuole la sua libertà e indipendenza carpita fraudolentemente con l’ausilio di un biondissimo e palestratissimo angelo, mai dimenticato. La pazienza del Padreterno sarà messa a dura prova. Non ci saranno esclusioni di colpi o false riverenze di circostanza.

Divertiranno per la loro umanità i ritratti inediti e paradossali degli altri protagonisti della Bibbia, in particolare quelli dei Patriarchi, ed ogni riferimento a persone notissime è solo frutto di un caso maldestro. Un ruolo predominate viene affidato a Abramo, l’unico che non ha alcun collegamento con il testo tradizionale. Origine cubana, accento romano di borgata, assomiglianza impressionante al Che ma anche al Monnezza dei film di Thomas Milian. Con lui Dio sarà un vero padre in carne e ossa e passerà i suoi momenti migliori tra calici di buon rum e sigari cubani intonando le canzoni celebri dei nostri amati cantautori. Ci sarà da commuoversi! Parallelamente queste storie bibliche “rifatte” e ”malfatte" troveranno corrispondenza nella società attuale, sia dal punto vista politico che sociale. Una bibbia umana, anche se scritta con il ricorso all’ironia ed al paradosso, ma forse più digeribile di quella millenaria che creava un solco profondo tra Dio e le sue creature preferite, o almeno quelle a lui più simili. Si prevede una sofferenza universale.

Intanto la richiesta di restituzione della costola invocata da Adamo da millenni aspetta!


L'autore

Marmunno ha diversi sogni nel cassetto, legge libri di ogni genere ed ha scoperto da poco una passione nuova e inaspettata per la scrittura. Scrive per emozionarsi, sperando di emozionare. Oltre alla parodia sulla Bibbia intitolata " Rivoglio la mia costola ", pubblicata recentemente, è in contatto con alcuni editori per la pubblicazione di un romanzo-saggio sulla Tabula Rasa intitolato “ All' ombra di dio ", e per una raccolta di poesie "Petali in Libertà".

Pubblica inoltre racconti brevi di ogni genere contenuti in antologie. Sta completando un libro di aforismi e freddure ed un copione teatrale sulla condizione dei cittadini extracomunitari che debutterà prossimamente in uno spettacolo di beneficenza.


Il libro, copertina flessibile, è in vendita ad euro 9,35 su Inmondadori.it , La Feltrinelli , in altri Store ed è ordinabile presso le migliori librerie.

La versione ebook, ASIN B00H0RTFZC, è in vendita ad euro 2,49 sulle vetrine di Inmondadori Amazon.it, e in altri Store.



Buon weekend e ... BUONA LETTURA!! ^__^

martedì 11 novembre 2014

Teaser Tuesdays #64


Oggi è martedì e torna Teaser Tuesdays, rubrica ideata dal blog Should be Reading, ma che io ho scoperto su Atelier dei libri. La mia consocia grafica aveva comunque una rubrica simile sul suo blog, Dillina, chiamata Perle dai libri. Visto che io spesso ho letto cose in seguito ai Teaser ho pensato di adottarla.

Le regole sono davvero semplici e sarei felice se mi lasciaste i vostri teaser!
Eccole:


  • Prendete un libro che state leggendo; 
  • Apritelo in una pagina a caso; 
  • Condividete un breve spezzone di quella pagina ("Teaser") senza fare spoiler (controllate prima di postare);  Riportate titolo e autore per tutti coloro che vogliono leggerlo ^_^ 



Ecco a voi il mio Teaser di oggi. ^_^

<< «Keira, volevi vedermi?» chiese, in tono serio.
Il cuore prese a battermi forte. Era molto distaccato. Le cose fra di noi erano cambiate. Ce l'aveva scritto in faccia. Indossava pantaloni neri e una giacca dello stesso colore, sotto una maglietta grigia scolorita, più sportiva del solito.
«Sì, volevo parlarti di ieri sera» dissi, cercando di essere forte. Non sembrava seccato per il fatto che volessi parlargli. Sicuramente stava facendo buon viso a cattivo gioco.
«Eh, sì, è stato uno sfortunato incidente, ma sono felice di  vedere che ti sei ripresa dalla caduta»  rispose, riacquistando il  suo tono da capo.
«Quale caduta?» chiesi scuotendo la testa e sentendo il rossore invadermi le guance.
«Non ricordi.. bé, è comprensibile, sei andata giù come una pera cotta. Mi scuso per quello che è successo. Non tollero risse nel mio locale, ma quando ci sono di mezzo le droghe può capitare. Comunque ho preso provvedimenti, fidati.»
Fidarmi? Come potevo fidarmi di lui.. non sapevo nemmeno chi fosse davvero! Era così freddo. La rabbia tornò a impossessarsi di me.
«Non è vero.. non è andata così.. non sono caduta!» urlai, e lui mi guardò come se non esistessi, come se non fossi nessuno.
«E allora cosa sarebbe successo, esattamente?» chiese, incrociando le braccia con fare scettico. >>


Stephanie Hudson
Recensione QUI


Qual è il vostro Teaser?


venerdì 7 novembre 2014

Segnalazione: Storia dell'Insolenza - Offese, insulti e turpiloquio nella politica italiana da Cavour a Grillo di A. Capurso


Buon pomeriggio carissimi lettori ^_^
Anche oggi una gradita segnalazione: Storia dell'Insolenza - Offese, insulti e turpiloquio nella politica italiana da Cavour a Grillo di Antonello Capurso.



Titolo: Storia dell’Insolenza – Offese, insulti e turpiloquio nella politica italiana da Cavour a Grillo
Autore: Antonello Capurso
Introduzione: L’esoso costo dell’insolenza
Editore: il Settimo Libro, 2014 ©
Pagine: 172
Prezzo: 16 euro
Isbn: 978-88-98933-11-2

Sinossi
Un secolo e mezzo di storia politica italiana per la prima volta rivisto attraverso la lente dell’offesa e del vituperio, una specialità in cui siamo maestri insuperati, più ancora di francesi e inglesi. Tra insulti e risse, schiaffoni e turpiloquio, dal celebre scontro tra Garibaldi e Cavour ai peones da rissa del dopoguerra, dalla fine della prima repubblica ai più recenti exploit di Grillo. Ma anche il racconto di celebri insolenze, di duelli, di insulti popolari lanciati contro Mussolini mentre i gerarchi se ne dicono di tutti i colori. E ancora: la disfida tra Scalfaro e Totò per colpa di una donna, la grande zuffa del 1953, l’insolenza ideologica di Togliatti, gli insulti immaginifici di D’Annunzio e Cossiga, la proliferazione via internet di grevità impensabili in un’era che non sia digitale. E in questo colorato dispiegarsi della politica italiana emerge anche un altro aspetto. Le risse continue producono un danno economico per tutta la società, sono un vero e proprio freno allo sviluppo.

L’Autore

Antonello Capurso, nato a Roma nel 1955. Giornalista e scrittore. È commentatore politico per i telegiornali Mediaset (TgCom24, Tg4 e Studio Aperto). Ha collaborato con la Rai, Panorama, il magazine del Corriere della Sera, il Foglio (per il quale ha curato dal 1997 le rubriche di costume politico “Gossip” e “Colonna Ruffiana”). Ha pubblicato, oltre a diverse opere in campo letterario, radiofonico e teatrale, anche diversi saggi sui partiti e di politica costituzionale. I suoi ultimi libri sono Dialogo sulla giustizia con Anna Finocchiaro (Passigli, 2005), I discorsi che hanno cambiato l’Italia (Oscar Storia Mondadori, 2008), Le frasi celebri nella storia d’Italia, da Vittorio Emanuele II a Berlusconi (Oscar Storia Mondadori, 2011).



Buon week end e .. BUONA LETTURA ^_^


giovedì 6 novembre 2014

Segnalazione: Fazi Editore - Novità mese di novembre 2014

Hilary Mantel
Un posto più sicuro
La storia segreta della rivoluzione vol. 2

Dopo la caduta della Bastiglia, in una Parigi divenuta campo di battaglia su cui scorre il sangue dei linciaggi e delle esecuzioni sommarie, la giovane generazione di rivoluzionari si trova all’improvviso sulla soglia della fama e del potere: Camille Desmoulins, Danton e Robespierre, splendidamente tratteggiati dalla penna di Hilary Mantel sempre attenta all'analisi storica, continuano ad agire sotto la fede incrollabile nelle proprie idee. Né il corpo dei regnanti né i luoghi in cui abitano sono più sacri. La tanto agognata repubblica è sempre più vicina. Ma nessuno sa ancora quale sarà il prezzo da pagare.




Qual è il senso della vita? Cosa significa fare il bene? Schweitzer affronta di petto gli interrogativi fondamentali della disciplina filosofica, sviluppando in questo libro la sua celebre teoria del rispetto della vita da scrittore, filantropo, teologo, fisico, chirurgo, studioso di filosofia, di letteratura tedesca e di religioni orientali, nonché organista musicologo e fondatore dell’ospedale missionario di Lambaréné. Scritto e rielaborato tra il 1913 e il 1917, Filosofia della civiltà offre un’impietosa critica della cultura dominante. Ma l’autore individua un’importante via di ricostruzione: solo il principio del “rispetto per la vita” può illuminare il cammino dell’umanità e condurla al vero progresso.




Andrea Caterini
Giordano

All'estrema periferia di una grande città, nell'aria umida di un garage sotto il livello della strada, Giordano lavora come guardiano notturno per pochi euro al mese. Nel suo "non luogo" il protagonista passa in rassegna ogni fallimento, insieme allo sfaldarsi degli affetti e di alcuni rapporti familiari fra cui quello col figlio, l'unico a cercare di capire davvero cosa sia successo, che interroga il padre con pietà e rabbia, in bilico tra la comprensione e il rancore, alla ricerca della ragione – quella vera – del fallimento della sua esistenza.






Gesù chiama papa Francesco/papa Francesco chiama Gesù: una serie di telefonate surreali sono al centro della creatività di Massimiliano Ciarrocca, autore goliardico, e a tratti feroce, che ha immaginato il Santo Padre a colloquio diretto con il suo superiore per le questioni più disparate riguardanti la contemporaneità. Dalla Chiesa ai programmi tv, dalla professione dell'editor alla tecnologia, non si salva nessuno: sono tutti obiettivi sensibili della satira di questo libro, raccolta di siparietti comici e dialoghi al limite del visionario.







Christian Salmon
La politica nell'era dello storytelling

Nel suo nuovo saggio, Christian Salmon mette a fuoco le trasformazioni che interessano la sfera politica e quella comunicativa. L’homo politicus tradizionale è un animale in via di estinzione? Dopo l'avvento della rete e della società della comunicazione, i politici sono ormai sottoposti alle ingerenze dei media: il loro lavoro è sempre più una performance per catalizzare l’attenzione e suscitare emozioni intrattenendo un elettorato sempre più vorace. Non sarà che in questo nuovo circo politico-mediatico proprio i governanti finiscono vittime di un gioco sacrificale, una "cerimonia cannibale"? Così la descrive il saggista francese, già acclamato dalla critica per il suo saggio Storytelling, attraverso esempi e modelli riconoscibili, come la campagna elettorale di Obama.




Nell’anno del 450° anniversario della nascita di Shakespeare esce un libro che celebra il massimo poeta inglese portando alla luce la sua eterna attualità. Krippendorff si immerge nelle commedie per analizzarne lo slancio progressista, una visione utopica che il poeta ci ha lasciato in eredità. Nel libro sono prese in esame undici commedie: da Tanto rumore per nulla a La bisbetica domata, da I due gentiluomini di Verona a La dodicesima notte. I temi ricorrenti sono quelli che appassionano ancora i lettori di tutti i tempi: i rapporti tra i sessi, lo scontro generazionale, l’amore, la solidarietà, ma soprattutto la libertà, come unica strada al progresso individuale e collettivo.




John Hick
Dio ha molti nomi
Un approccio pluralista alla religione e un'invocazione al dialogo interreligioso da parte di un filosofo evangelico e di formazione kantiana ci guida attraverso una sorta di rivoluzione copernicana: da una visione cristiano-centrica delle fedi a una teocentrica che mette da parte ogni traccia di esclusivismo cristiano e che si apre a culture e religioni nuove, diverse, minoritarie. Dio ha molti nomi è il suo scritto fondamentale.




mercoledì 5 novembre 2014

Segnalazione: Graffiti di silenzio di Antonio Aschiarolo

Bonsoir carissimi lettori. ^_^
Comunicazione breve ma molto gradita.
Fino al'08 novembre potete trovare gratis, e solo su Amazon, la raccolta di poesie di Antonio Aschiarolo, Graffiti di silenzio.

La Biblioteca ha già avuto il piacere di segnalare le opere di Antonio Aschiarolo.
Potete leggere la nostra segnalazione di Graffiti di silenzio, QUI.

Vi lasciamo il link e .. BUONA LETTURA! ^_^